Hai l'età per bere legalmente bevande alcoliche?

     
LA FAMIGLIA
La famiglia Pellegrini inaugura nuovi progetti con lo sguardo rivolto al futuro

Il legame della famiglia Pellegrini con il mondo del vino risale alla fine dell’Ottocento, prima con l’apertura di un’osteria e poi con l’inizio del commercio di vino e mosti all’ingrosso in Lombardia. Con l’acquisizione della Fattoria di Petrognano, negli anni 60, è iniziata l’esperienza vitivinicola della famiglia, da allora direttamente coinvolta nella produzione di vino. Emanuele Pellegrini, oggi alla guida dell’azienda, rappresenta la quarta generazione con la quale Fattoria di Petrognano inaugura un nuovo corso guidato da tre principi fondamentali: valorizzazione della tradizione con uno spirito di ricerca applicata, sostenibilità ambientale e grande passione. Ciò che meglio rappresenta questa nuova filosofia produttiva è il legame tra Emanuele Pellegrini e Monica Rossetti, uniti nella vita oltre che nel lavoro. Elevare la qualità dei vini attraverso un forte messaggio di naturalità e autenticità è il loro obiettivo. A Monica, enologa italo brasiliana e moglie di Emanuele - è affidata la direzione tecnica della cantina. Attraverso questa unione la storia della famiglia Pellegrini si apre così a un orizzonte internazionale ed innovativo. Da sempre l’azienda vinifica e imbottiglia solo il prodotto dei suoi vigneti, questa caratteristica - unita al rispetto dei forti elementi identitari del territorio - garantisce e rafforza il valore dei vini di Fattoria di Petrognano. Mantenendo saldi questi principi, Emanuele e Monica guardano insieme al futuro con il progetto di nuovi vini.

Emanuele Pellegrini nella cantina di Fattoria di Petrognano

“Con l’avvio della nuova gestione abbiamo voluto dare una impostazione nuova all’azienda puntando su tre principi cardine: valorizzazione dei vitigni autoctoni, ammodernamento della cantina, produzione esclusivamente biologica. Queste scelte rispecchiano la nostra volontà di dare una forte connotazione territoriale ai vini di Petrognano, valorizzando e rispettando i luoghi di produzione. Con l’arrivo di Monica, l’azienda ha implementato la viticoltura di precisione, la gestione parcellare e una serie di nuovi progetti nella filosofia: il più naturale possibile. Questa impostazione ha ulteriormente rafforzato il concetto di identità in vigna e in cantina“.

Emanuele Pellegrini nel 1963 ha acquistato l'azienda agricola dando vita a Fattoria di Petrognano
Il nipote, anche lui Emanuele, oggi è alla guida dell'azienda insieme all'enologa Monica Rossetti